Risultati del weekend 14-15 dicembre 2019

Complessivamente ancora una buona giornata per i nostri colori: doppia vittoria in Seniores e in Under 16, una vittoria e una sconfitta (ma leggete sotto come è andata!) in Under 14, più una serie di positive esperienze del minirugby al torneo nazionale di Verona, dove spicca in particolare il secondo posto dell’Under 10. A dare una nota di dispiacere alla giornata sono gli infortuni che hanno colpito la Seniores femminile: un mare di auguri di pronta guarigione alle nostre ragazze!

Under 6

Torneo Santa Lucia di Verona – Freddo e sole accolgono l’Under 6 nel primo torneo nazionale della stagione. Nove piccoli AU partono subito bene nel girone di qualificazione contro Amatori Vicenza e C’è l’Este. Si arriva alla sfida decisiva per la classifica contro il Petrarca Padova. I gialloneri placcano, passano la palla e segnano tre mete mostrando un ottimo gioco di squadra. Poi però la fatica si fa sentire e i veneti si impongono in rimonta 4-3.
La seconda piazza costa una lunga pausa al girone “lombardo” delle seconde classificate. Finalmente si può cominciare nel campo ormai deserto, con le altre squadre già sotto la doccia: 3-3 col Parco Sempione, poi la differenza mete nelle sfide con il Bergamo assegna il quinto posto all’Amatori Union. Dopo quasi tre ore di battaglia, si va sotto la doccia! Ottimo lavoro bambini, continuate così! (Francesco) – qui le foto di Matteo Bedosti

 

Under 8

Torneo di Verona:  AU terza classificata

 

Under 10

Torneo Santa Lucia di Verona – Eccoci di ritorno da Verona, stanchi ma carichi di entusiasmo per quanto visto e vissuto! Se l’anno scorso avevamo vinto con sorpresa il torneo, quest’anno come detentori probabilmente avevamo gli occhi di tutti addosso. Lo staff tecnico ha preparato minuziosamente l’evento e spero abbiano avuto i giusti riscontri. Ma passiamo alla cronaca. Verona ci accoglie benevola senza stringerci nella morsa del temibile gelo veneto e offrendoci una giornata relativamente mite vista la stagione. I campi di gioco sono in condizioni eccellenti e il centro Payanini è un brulicare entusiasta di giovani rugbisti. Il nostro è il girone D e già dalla composizione si capisce che serve l’impresa. Al primo incontro, da sempre il nostro tallone di Achille, ci attende la temibile compagine modenese degli Highlanders di Formiggine. Negli ultimi anni ci hanno spesso dato del filo da torcere e quindi i tecnici caricano a molla i ragazzi. Partenza irruenta e avversari annichiliti, 4-0. Ottima inizio ragazzi! Al secondo impegno ci attende la squadra vicentina che indossa la tradizionale casacca bianco rossa. I nostri ragazzi in campo sono carichi e si vede! Altro 4-0 e si va avanti spediti. Ultimo incontro del girone con una delle due squadre del Petrarca Padova, un nome che potrebbe intimorire i ragazzi. Ci giochiamo il primato del girone e l’accesso al tabellone alto delle finali.
Avrebbe potuto intimorire….ma anche no! Con un po’ più di fatica si porta a casa anche questa vittoria: 2-1. Finiamo il girone al primo posto a punteggio pieno con 10 mete fatte e una sola subita. Il pubblico gongola, la stampa ci assale
I ragazzi vengono allontanati dal trambusto per rimanere concentrati. Piccola pausa per rifocillarsi e ci prepariamo per la semifinale. Andiamo ad affrontare la compagine di Este che si presenta alla semifinale avendo eliminato Scandicci, Parco Sempione e Verona. Partiamo bene aggredendo campo e avversari e portandoci meritatamente in doppio vantaggio. Non è semplice mantenere la concentrazione per tutto un torneo cosi lungo e impegnativo. Complice un paio di distrazioni in fase difensiva e qualche regalo in avanti ci facciamo raggiungere sul filo di lana. A questo punto si crea un po di confusione tra il pubblico , gli staff e la direzione di gara
A Milano si dice “San Giuan fa minga ingan!” e in modo forse un po’ rocambolesco passiamo il turno evitando la lotteria della “golden meta”. Per il secondo anno consecutivo siamo in finale. Da sorpresa che eravamo stati , ora siamo realtà temibile. In finale ci aspetta la prima squadra del Petrarca, si annuncia una battaglia durissima
I ragazzi partono contratti davanti ad un avversario onestamente di grandissimo valore. Prendiamo due mete prima di reagire ed entrare in partita. Purtroppo non riusciamo a renderci granché pericolosi e i nostri avversari meritatamente vincono il torneo. Lo sguardo e il saluto degli avversari a fine partita è stato un grandissimo premio e una pietra da cui ripartire. Abbiamo raggiunto un grandissimo risultato e offerto una grande prestazione! Abbiamo un grande futuro oltre che un grande presente! Da Verona è tutto. Linea allo studio. (Francesco)

Qui le foto di Giacomo Rossi

fotoU10

Under 12

Torneo di Verona: AU nona classificata

 

Under 14

Amatori Union Rugby Milano 1 – Rugby Lainate 1     33-36 (mete 5-6)
Amatori Union Rugby Milano 2 – Rugby Lainate 2    39-36 (mete 7-6)

Giornata splendida per giocare due partite entusiasmanti. Entrambe le formazioni meneghine sono cariche per l’occasione sportiva e non lasciano nessuno in panchina: tutti in campo, da subito. Soluzione che pone in difficoltà i nostri nella prima partita: Brambilla si infortuna alla caviglia al primo minuto, pronto soccorso, frattura composta, lo aspettiamo al campo tra pochissimo; Ciampi aspetta un’altra manciata di minuti per non riuscire a correre, un vecchio infortunio alla schiena, ma si sacrifica per la squadra e resta in campo. Gli allenatori gli impediscono di giocare, rimane in area di meta. 11 contro 13 dal 10′, sarà battaglia. Non si tira indietro nessuno, Lainate sfrutta al massimo individualismi di tutto rispetto ed un gioco fluido. AU ribatte occhio per occhio, meta per meta. Il sovrannumero avversario sembra spronarli. Ci mostrano cosa significa giocare a questo sport: non mollare mai. La partita termina con un risultato che è decisamente poco importante, dato l’impegno di tutti i 26 (poi 25) guerrieri in campo, ma non è uno sport dove la vittoria non conta, quindi onore a Lainate che batte Amatori Union a Milano 36 a 33.
La seconda partita è sullo stesso filone. Nessun infortunio stavolta, ma il risultato di 39 a 33 (vittoria di Amatori Union) nasce da una battaglia senza quartiere su ogni punto di incontro. Lainate è più pesante e senz’altro più performante sugli impatti, Amatori Union è più fluida e gioca sempre in velocità. Una partita velocità contro potenza, dove la seconda sembra sormontare la prima sugli uno contro uno, ma la prima sormonta la seconda sul gioco collettivo. Partita che mostra grande volontà da parte di tutti di comprendere il gioco e spingersi al massimo per divertirsi e, va da sé, vincere.
In toto un 72 – 72 che rappresenta in pieno l’impegno da parte di tutti i 52 (poi 51) i ragazzi che ci hanno mostrato veramente del bel rugby.

 

Under 16

Girone 3: FTGI Rugby Ticinensis 2 – Amatori Union Rugby Milano  10-80
Girone 7: Rugby Lainate – Amatori Union Rugby Milano      19-37

 

Seniores femminile

Le nostre ragazze perdono le loro tre partite in Coppa Italia a Rovato. Le sconfitte fanno parte del percorso di crescita: dispiace invece davvero che tre delle nostre giocatrici si siano infortunate. Ma questo non fermerà le nostre ragazze, che sono ogni volta più unite, e più motivate. Lasciamo che questo gruppo compatto, gioioso e vitale si diverta e faccia esperienza: le nostre ragazze stanno già crescendo, tra non molto faranno vedere a tutti di che pasta sono fatte. Quanto alle soddisfazioni, beh, guardatele qui sotto, non vi pare che siano già molto felici di giocare insieme?

Seniores Femminile Rovato

 

Seniores maschile

Serie B girone 1: Rugby Varese – Amatori Union Rugby Milano 20-40 (mete 3-5)

Serie C2 girone 2: Rugby Lecco – Amatori Union Rugby Milano 16-22 (mete 2-3); qui le foto di Roberto Morelli

Partita di serie B – Quarta vittoria consecutiva dei nostri, che domano un combattivo Varese in un match spigoloso, condotto in testa per tutto il tempo, e salgono così al quinto posto in classifica. I nostri hanno confermato l’impressione, già emersa negli ultimi incontri, di una decisa crescita sul piano sia dell’organizzazione del gioco, sia della solidità mentale. Determinati e reattivi, hanno colpito sistematicamente i punti deboli della compagine avversaria, sfruttando al meglio i propri punti di forza: hanno accumulato punti al piede quando era logico farlo, e hanno spinto sull’acceleratore delle segnature pesanti quando si sono ritrovati gli avversari un po’ troppo vicini nel punteggio a causa di un paio di nostre ingenuità, che avevano riaperto ai padroni di casa la via della meta e la prospettiva di una possibile rimonta. Insomma, si sono osservati netti progressi nella gestione delle energie e delle situazioni, che era mancata negli scorsi anni, e ancora nelle prime tre partite di questo campionato. Il prossimo weekend proporrà un incontro tutt’altro che facile, in casa con un Bergamo da non sottovalutare: sarà un ulteriore impegnativo banco di prova della maturazione del gruppo.  Qui  il commento alla partita di VareseSport, qui il commento di VareseNews.

Partita di serie C2 – La cadetta espugna il sempre ostico fortino del Lecco con una bella prova di orgoglio e grinta. Quindici guerrieri contati, senza nemmeno la possibilità di un cambio (e questo certamente è un problema da risolvere, i ragazzi non possono essere sempre costretti a salti mortali di stoicismo e resistenza!), hanno tenuto il campo per 80′ senza cedere di un millimetro agli assalti dei padroni di casa. La percezione è che questo gruppo, a partire da questa bellissima affermazione, possa iniziare un percorso di crescita, in cui la consapevolezza delle proprie potenzialità e lo spirito di squadra sono ugualmente importanti per mettere benzina nel motore dei ragazzi. Ci sembra giunto il momento di dire che questa non è una “seconda” squadra: è una squadra e basta, cioè una realtà che inizia ad affermare una propria identità, fatta di orgoglio, di dedizione, di voglia di migliorarsi, ma soprattutto del piacere di giocare. Diamo fiducia e visibilità a questo gruppo: siamo sicuri che faranno tanta strada. Guardate qui sotto i loro sorrisi, mentre festeggiano la vittoria nello spogliatoio: c’è altro da aggiungere?

C2 a LeccoLecco 4

Lecco 6 Lecco 3 Lecco 7 Lecco 8 Lecco 5Lecco 10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *