Risultati del weekend 13-14 aprile 2019

Bella esperienza per il nostro minirugby al torneo nazionale di Prato: nel fango di un’ormai (per noi) desueta epica da rugby d’altri tempi, l’Under 6 si piazza prima, l’Under 7 quarta, l’Under 8 quarta, l’Under 9 terza, l’Under 10 settima, l’Under 12 undicesima. Bene anche le due Under 14 e la Seniores, che torna alla vittoria con un successo indispensabile in chiave salvezza.

Minirugby a Prato
Il minirugby a Prato

Under 6

Girone di qualificazione:
Au – Parabiago 4-1
Au – Sesto 8-1
Au – Capitolina 8-1
Au – Gispi 5-0
Semifinale:
AU – Formigine 8-1
Finale:
Au – ASR Milano 5-1

IMG-20190414-WA0007IMG-20190414-WA0006IMG-20190414-WA0010

Si è giocato anche a Bergamo: in attesa di notizie, qui sotto trovate in anteprima le foto dei nostri ferocissimi (e famelici) guerrieri nella trasferta orobica!

IMG-20190414-WA0016IMG-20190414-WA0012

 

Under 7 e Under 8

Torneo Denti, Prato

Under 7
Girone di qualificazione:
AU – Primavera 1 – 1
AU – Gispi (A) 2 – 2
AU – Livorno 7 – 0
AU – Parabiago 5 – 1
Semifinale:
AU – Sesto Fiorentino 0 – 4
Finale 3º/4º posto:
AU – Gispi (A) 1 – 4

Under 8
Girone di qualificazione:
AU – Gispi(1) 8 – 0
AU – Modena 11 – 0
AU – Formiche Pesaro 4 – 0
Semifinale
AU – Gispi(2) 1 – 3
Finale 3º/4º posto
AU – Sesto Fiorentino 2 – 3

Under 8 Prato

Under 9 e Under 10

Torneo di Prato, Under 9

Girone di qualificazione:
AU – Gispi Sesto 5-0
AU – U.S. Primavera 0-1
AU – Formigine 3-2
AU – Gispi1 5-0
AU – ParcoSempione 5-0
Finale 3°/4° posto:
AU Livorno 1-1
Classifica finale: AU terza classificata. Qui le foto di Davide Trombella, qui le foto di Giacomo Rossi

Torneo di Prato, Under 10

Girone di qualificazione:
Au – Prato2   1 -4
Au – Modena    4 -3
Au – Formiche Pesaro   4-0
Semifinali:
Au – Frascati 2-4
Au – Perugia 5-1
Classifica finale: settimi su sedici squadre

Under 10 a Prato

 

Under 12

Torneo Denti, Prato

Girone di qualificazione:
AU – Frascati 1-4
AU – Modena 6-0
AU – Livorno 0-1
Semifinali:
AU – Primavera Roma 2-3
Finale 11°- 12° posto:
AU -Sesto Fiorentino 3-0
Classifica finale : 11 su 16 squadre.

Risultati sportivi a parte, credo valga la pena raccontare questa bella avventura che ha coinvolto tutta la grande famiglia del minirugby della AU. Quasi 150 persone fra atleti delle varie categorie, staff e genitori al seguito si sono dati appuntamento in Piazza Monte Titano alle 9,30 di sabato mattina. Tre torpedoni ci aspettavano: non si sa se per caso o per scelta erano uno verde, uno bianco ed uno…..fucsia. Un tricolore quasi perfetto beneagurante per l’inizio della trasferta. E infatti è andato tutto molto bene. La partenza è avvenuta in perfetto orario alle 10 in punto. Sul bus dei genitori una atmosfera piacevolmente rilassata ha caratterizzato tutto il viaggio. Sosta a Modena: si riparte come da tabella di marcia senza abbandonare nessuno. Si punta quindi diretti sulla Club House del Gispy che ci ospita per permetterci di consumare il nostro pranzo al sacco al coperto, seduti ad un tavolo: un lusso rispetto al parcheggio dell’autogrill dell’anno scorso. Senza contare la disponibilità di birra, piatti caldi , dolci e caffè per i più esigenti. Prendiamo possesso delle nostre camere in hotel e tempo un’ora si riparte, a piedi, verso il centro della città. Abbiamo appuntamento con le altre squadre per l’ormai tradizionale sfilata. Non saprei dire se la Au è l’unica puntuale o siamo in anticipo. Fatto sta che abbiamo un po’ di tempo per visitare il castello, praticamente invaso da ondate successive di truppe di occupazione in divisa giallo/bianco /nera che sciamano nella corte interne e sugli spalti, per radunarsi poi solo ai richiami perentori dei coach/comandanti. Foto di rito e di nuovo in piazza. Il corteo finalmente prende forma e cominciamo a muoverci. La rappresentanza AU segue a ruota i battistrada, i padroni di casa del Gispy. Dietro di noi c’è sicuramente la Primavera di Roma. Poi dovrebbero seguire altre squadre coma Parabiago, Dragoni di Parco Sempione, ASR Milano e non so chi altri. In effetti girandosi indietro si vede qualche maglia qua e là ma….non si sente niente. I nostri ragazzi sembrano infatti essere qui per una competizione canora oltre che rugbistica e con i loro “canti di battaglia”, a noi ben noti, urlati a squarciagola coprono tutti gli altri e si guadagnano da subito il titolo di rappresentanza più “rumorosa” ma anche più simpatica, guadagnandosi spesso gli applausi dei passanti al “Cinque son le vocali…”. E rieccoci alla Club House del Gispy per la cena: ormai ci sentiamo quasi a casa qui. Antipasto, primo , secondo…..il dolce buttato giù in fretta perché i bambini hanno finito prima ed è opportuno riportarli in Hotel per non farli raffreddare. Del resto sono già le nove e l’indomani li aspetta una giornata faticosa. Durante la notte purtroppo arriva la pioggia: annunciata, attesa , temuta. La mattina è tutto bagnato e immaginiamo già quale sarà lo stato dei campi da gioco. Campi in terra + pioggia= FANGO. Ma ce lo aspettavamo e quindi nessuna esitazione. Colazione e via verso la sede del torneo. Alcuni volenterosi genitori trasportano e montano a tempo di record ben tre gazebo sotto cui viene imbandita una tavola ricchissima: il famoso terzo tempo AU che se non fosse stato perché si doveva tornare a casa sarebbe durato fino a sera, per la quantità di cibo e bevande e soprattutto per il bel clima di convivialità creatosi. Ma siamo arrivati fin qui per il Torneo. Diciamo qualcosa anche delle partite. Presenti 16 squadre per categoria. Quattro gironi da quattro squadre. I nostri Under 12 affrontano i coetanei del Frascati e perdono per 4 a 1. Vittoria meritata quella di nostri avversari che però non sono apparsi proprio irresistibili. Come al solito dipende più da noi che dagli altri. Ormai è quasi un luogo comune che fatichiamo ad entrare subito in partita. La prima è quasi sempre la peggiore. Infatti subito dopo i ragazzi si rifanno sul povero Modena che lasciano 6 a zero. Finiscono quindi il girone perdendo con onore per solo 1 a zero contro il Livorno. E non è poco. Il Livorno vincerà poi il torneo asfaltando letteralmente tutti gli altri avversari. Solo con noi ha dovuto sudare. Terzi del girone, perdiamo la semifinale contro la Primavera Roma (si, proprio quella che ci seguiva nel corteo del giorno prima…) per 3 a 2. E anche in questa occasione confermiamo un altro luogo comune: la sicurezza di vincere gioca brutti scherzi. Stavamo vincendo 2 a 0. un attimo di distrazione e di rilassamento e arriviamo al pareggio. L’ultima azione ci punisce consentendo agli avversari di segnare la meta della vittoria. Pazienza. Finiamo almeno con la soddisfazione di vincere l’ultima partita contro il Sesto Fiorentino con un secco 3 a zero. Siamo undicesimi. Con la fine delle partite smette magicamente anche di piovere. Fa capolino addirittura un timido sole che aiuta ad asciugarci e rende più agevoli le operazioni di “smantellamento” dei gazebo. Assistiamo alle premiazioni (la nostra U6 è arrivata prima e la U9 si è piazzata terza…tutto sommato bilancio più che positivo per i colori AU) e poi tutti sui bus. Verso casa. Con la testa già al prossimo Torneo. Saluti a tutti (LM)

U12 Prato

Under 14

Amatori Union Rugby Milano 1 – Rugby Bassa Bresciana 1     82-0 (mete 14-0)
Amatori Union Rugby Milano 2 – Rugby Bassa Bresciana 2    71-7  (mete 11-1)

Qui le foto di Marco Bertossi

 

Under 16

Fermi i campionati, alcuni nostri ragazzi hanno giocato con la selezione Lombardia Ovest a Rovato: qui le foto di Marco Bertossi

Seniores

Amatori Union Rugby Milano – Probiotical Rugby Novara      29-24  (mete 4-4)

Ormai è chiaro, ai nostri vincere serenamente non piace: devono complicarsi un po’ la vita per divertirsi di più. Pronti via, meta AU, 5-0: partiti col piede giusto? No, se all’intervallo siamo sotto 5-19: praticamente un incubo, con tre mete fotocopia dei trequarti novaresi che in dieci minuti passano tre volte indisturbati in mezzo ad alcune belle statuine imbambolate in ordine sparso. Nella ripresa, a parte concedere ancora una meta evitabile, i nostri si ricordano di avere artiglierie più che sufficienti per scardinare la non irresistibile difesa novarese, e ribaltano il parziale con tre mete da antologia: stacchiamo gli ospiti per una trasformazione in più e un calcio di punizione spedito tra i pali, prima che il nervosismo prenda definitivamente il sopravvento, fino al sospirato fischio finale. Il risultato è importantissimo in prospettiva salvezza, tanto più che sopravanziamo di un punticino il Sondrio, cui lasciamo la scomoda terz’ultima posizione in classifica: vincere con bonus si doveva, e questo hanno portato a casa i ragazzi, quindi festeggiamo senza fare tanto gli schizzinosi. Ma sarebbe bello che affrontassimo le ultime tre impegnative giornate di campionato di fronte a tre formazioni di tutto rispetto (Lecco, Piacenza e Bergamo), tutte ben più avanti di noi in classifica, con la grinta giusta e il desiderio di finire in bellezza, non dimenticando tra l’altro che la salvezza matematica non l’abbiamo ancora raggiunta. Forza ragazzi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *