Risultati delle partite del weekend 24-25 novembre 2018

Ancora splendidi risultati nel weekend:  le due Under 6, le tre Under 8, le tre Under 10, le due Under 16 e la Under 18 piallano senza complimenti gli avversari, mentre in Under 12 sperimentiamo opportunamente una rotazione dei giocatori e ne prestiamo anche agli avversari. A proposito, complimenti anche ai ragazzi disponibili a giocare con altri colori: è un esempio di grande sportività sapere che nel rugby non ci sono nemici, ma solo avversari; essere capaci di impegnarsi anche a fianco di compagni di un’altra squadra è un momento di grande crescita umana e sportiva. La Under 14 partecipa alla tappa Superchallenge di Verona e fa esperienza di rugby giovanile al massimo livello italiano.

Un’ultima osservazione: vedere molti dei nostri piccoli con dipinti sul viso il baffo Movember e la virgola rossa contro la violenza sulle donne ci conferma che nel nostro sport sensibilità, rispetto e solidarietà non sono astrazioni, ma valori riconosciuti e affermati fin dalle categorie dei più piccoli. Complimenti ad atleti e famiglie!

Under 6

Torneo di Gallarate: anche questa volta l’avversario più temibile per una squadra AU è… l’altra squadra AU!

AU1 – AU2 6-4
AU1 –  Malpensa 10-3
AU2 – Tradate 11-4
AU1 – Tradate 11-0
AU2 –  Malpensa 10-2

Nell’ultima e umida domenica di novembre, il ritrovo per i piccoli dell’U6 è alle 9.15 a Gallarate, dove ad accoglierli con l’immancabile sorriso ci sono Alessia e Ruben. Tutti al caldo nello spogliatoio dal quale escono in fila con una bella virgola rossa sulla guancia destra, come simbolo di adesione alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Il rugby insegna anche questo!
Poi di corsa in campo per il riscaldamento, perché alle 10.20 c’è la prima partita: AU1 versus AU2, con due tempi da cinque minuti. L’unica della giornata che finisce con un quasi-pareggio (6-4) perché tutte le altre partite confermano la superiorità dei nostri torelli. Entrambe le squadre AU battono, infatti, sia il Tradate che il Malpensa in modo netto (10-3; 11-4; 11-0; 10-2) inorgogliendo mamme, papà e allenatori. Una doccia calda lava via tutto il fango e poi tutti sotto il tendone riscaldato per il terzo tempo! Per finire, cioccolatini e caramelle come dessert distribuiti dalla nostra Giuliana, sempre attenta e affettuosa. Una gran bella mattinata. Quindi, sempre forza AU, evviva il rugby, evviva gli uomini che rispettano le donne!
Valeria (mamma di Violetta e altri due rugbisti)

IMG-20181125-WA0042 IMG-20181125-WA0037 IMG-20181125-WA0017

 

Under 8

Torneo di Rozzano – L’AU si presenta con 2 squadre, divise nei plessi di Crespi ed Iseo. Le squadre che partecipano al torneo sono poche e quindi ogni partita durerà 12 minuti: un tempo piuttosto lungo, nel quale gli U8 hanno il tempo di studiare l’avversario lungo la partita. La nebbia c’è, l’umidità pure, il campo è in “erba”, terra e fango ma alle 10 gli atleti sono tutti presenti per poi incominciare alle 10:30 le partite, divise in due campi. Da tutte le partite gli AU e AU2 escono vittoriosi facendo un vero gioco di squadra: un piccolo tentennamento nel fronteggiare la squadra del Rozzano con ben 15 giocatori avevano ogni 2 minuti atleti freschi in campo. Questo non ha fermato l’Amatori, che dopo i primi minuti vince di molto con entrambe le squadre sul Chicken Rugby. In partita si impara a resistere anche dopo qualche placcaggio duro; c’è chi ha imparato a gustare il paradenti con dentro il fango e chi ha imparato a sue spese che è sempre meglio metterlo in bocca invece che lasciarlo a proteggere la caviglia. Il torneo si conclude, come di consueto, con il derby AU e AU2. Gli allenatori non vogliono saperne di disputare una partita tranquilla e gli U8 delle due squadre sono più carichi che mai per il derby, che alla fine è sempre la partita più dura. Finisce in parità, e dopo una doccia piuttosto difficoltosa conclusasi con un finale ghiacciato, si va in Clubhouse per il terzo tempo. (Monica Ossi) – qui le foto di Monica Ossi e Alessandro Puglisi.

Torneo di Gallarate – Fredda giornata di fine Novembre siamo ospiti del Malpensa Rugby presso lo Stadio Atleti Azzurri d’Italia a Gallarate. Ci presentiamo puntuali alle 9:00 e lasciamo i pargoli alle attente cure di Marco che con il supporto dell’immancabile Alessandro li raduna ed inizia a preparali nel corpo e nello spirito ad affrontare l’imminente impegno sportivo. La giornata è nuvolosa ma per fortuna il meteo sembra darci tregua risparmiandoci dalla pioggia. Tuttavia l’aria è carica di umidità, un vero piacere per le giunture e le articolazioni di genitori e supporters che con immancabile entusiasmo si apprestano a sostenere i loro piccoli eroi. I più navigati, abituati ormai da qualche anno alle sfidanti levatacce della domenica mattina, si riconoscono dal fare disinvolto e dall’abbigliamento altamente protettivo, simil-pinguino, serenamente rassegnati al sacrifico, pronti a dedicare il meritato giorno del riposo alla nobile causa ovale. A loro non importa più se anche questa domenica sono stati strappati prematuramente dai caldi giacigli domestici, a scaldare i loro cuori basta il pensiero della salamella, religiosamente attesa impugnando con orgoglio l’onnipresente boccale di birra, amico di mille trasferte, rigorosamente trangugiato in compagnia dei soliti amici di merende. Prendiamo così posto sugli spalti della struttura ospite, dove possiamo godere di un’ottima visuale sul campo da gioco, inebriati dal profumo di ‘cipollazza’ che si leva dai piani sottostanti per ricordarci che l’umidità che le nostre membra stanno assorbendo verrà ricompensata al momento debito. Amatori Union si presenta con una squadra: Federico Buffardi, Xing Jang Caprara, Javier Cavallaro, Andrea Magri, Valerio Sommariva, Nicolas Varpi, Gabriele Vegna. Allenatore: Marco Volpi. Accompagnatore Alessandro Buffardi. I nostri piccoli atleti scendono in campo sfoggiando importanti mustacchi neri disegnati per l’occasione per celebrare Movember, il mese in cui la palla ovale si fa crescere i baffi per sensibilizzare tutti sulla salute degli uomini; ma è anche la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e non manca sulla guancia dei nostri virgulti anche un baffo rosso, espressione del colore delle ignobili violenze a cui purtroppo troppe donne sono ancora vittime oggi. Il raggruppamento Under 8 si compone di un solo girone che ci vede impegnati insieme al Malpensa 1, Malpensa 2 e al Tradate. La formula del torneo prevede due tempi da 7 minuti per partita.
Amatori Union – Malpensa 2: 16-0. L’hip hip urrà iniziale è un chiaro segnale che i nostri pargoli sono carichi. Li vediamo disporsi in linea in modo ordinato e compatto e, al fischio d’inizio, salire in modo grintoso e deciso. Ci sono concentrazione e disciplina in campo e la pressione sui portatori di palla mette in difficoltà i nostri avversari. Bei placcaggi e ottimo sostegno ci permettono di riconquistare diversi palloni ed andare ripetutamente in meta. Ci colpisce l’azione corale della squadra e vedere tutti partecipare all’azione. Alla fine della partita il risultato ci premia. RIVELAZIONE
Amatori Union – Malpensa 1: 2-3. Incontriamo la prima squadra del Malpensa e la differenza rispetto ai ragazzi della seconda squadra incontrati prima è importante. I nostri avversari sono rocciosi e compatti, i placcaggi sono duri e la pressione che riceviamo è importante: al primo momento di distrazione siamo puniti con la prima meta. I piccoli Amatori non sono da meno e rispondono con grinta e determinazione, esprimendo un bellissimo ed emozionante gioco di squadra fatto di pressione, avanzamento, placcaggi e sostegno, trovando con merito la meta del pareggio. La partita continua con grande intensità ed entrambe le squadre si guadagnano applausi da tutti per l’intensità del gioco espresso e la determinazione di non volere mollare neanche un centimetro di campo. Il primo tempo tuttavia premia maggiormente gli sforzi dei nostri avversari che ci staccano di due lunghezze.
Rientriamo in campo dopo la pausa ancora più carichi e determinati: i nostri piccoli danno fondo a tutte le loro energie proponendosi costantemente nella metà campo avversaria bloccando sul nascere ogni tentativo di ripartenza con placcaggi duri e precisi. La squadra varesotta ci contiene molto bene ma non riesce ad evitare la meta del 3-2 ottenuta dopo un’azione intensa e prolungata a pochi metri dalla loro linea di meta. Il resto della partita si sviluppa con i nostri che provano a sfondare ripetutamente la difesa avversaria senza però trovare il varco per il pareggio. Ci emoziona la voglia di non mollare mai fino all’ultimo minuto e quando arriva il fischio finale, solo il risultato ci vede battuti. Bravissime entrambe le squadre per averci regalato momenti di rara intensità, applausi per tutti per il bellissimo spettacolo! GLADIATORI!
Amatori Union – Tradate: 10-2 . il copione è lo stesso delle partite precedenti, i nostri sono sul pezzo e sono squadra vera, li vediamo parlarsi, darsi consigli, i più esperti incoraggiano i più piccoli. In campo si vede ordine, avanzamento in linea e sostegno. I nostri avversari sono bravi nei primi minuti a contenerci pareggiando le prime due mete subite e creando più di un pericolo alla nostra retroguardia. Ma i nostri placcatori oggi sono in forma strepitosa e i loro interventi strappano applausi a scena aperta. Con ordine e disciplina gli Amatori trovano la chiave di lettura della partita e, minuto dopo minuto, chiudono tutti gli spazi concedendo davvero poco alla squadra avversaria. Il risultato li premia con merito. VECCHIE VOLPI…
Il nostro torneo si chiude così e un’altra domenica di rugby giunge alla conclusione lasciandoci la soddisfazione di avere assistito ad una bella giornata di sport. I nostri guerrieri trovano finalmente meritato ristoro nel terzo tempo e per noi, stoici inumiditi genitori, è finalmente arrivato il tanto agognato momento della salamella!
Doveroso ringraziare e gratificare i piccoli atleti per le intense emozioni che ci hanno fatto vivere oggi e per l’impegno dimostrato dal primo all’ultimo minuto in cui sono stati in campo. Ci hanno regalato una prova di grande maturità portando a casa un’esperienza di gioco che segna una tappa importante del loro percorso di crescita. L’ordine visto in campo anche nelle partite più dure lascia intendere che è chiara a tutti l’idea del gioco e tutti vi hanno preso parte con grande entusiasmo.
Un dovuto riconoscimento è rivolto allo staff tecnico per il lavoro svolto durante gli allenamenti settimanali ed un grosso ringraziamento, oggi in particolare, va all’impegno ed al lavoro di Marco, impeccabile nel guidare e motivare i giovani atleti, gestendo in modo attento le sostituzioni, tenendoli sempre sul pezzo e assicurandosi di farli giocare e divertire tutti. Prezioso ed immancabile il supporto di Alessandro preciso e puntuale nel non far mancare loro mai nulla, dimostrandosi sempre paziente ad ascoltare noi genitori. Grazie infine ad Andrea per la rinnovata disponibilità ad immortalare dal bordo campo le gesta dei nostri pargoli.
Alla prossima, anzi no! Mi permetto eccezionalmente di concludere con un piccolo tributo personale ai piccoli Amatori che oggi sono scesi in campo da veri uomini rendendoci orgogliosi … dedicando a ciascuno di loro due righe di apprezzamento e riconoscenza per l’impegno che ci hanno dimostrato.
Rigorosamente in ordine alfabetico:
Federico Buffardi: uno dei senatori della squadra e leader ispirato, dispensa consigli tattici a tutti dimostrando, quando c’è bisogno, di sapere fare il lavoro sporco. Pregevoli alcuni dei suoi placcaggi sull’ultimo uomo lanciato a meta come le sue sgroppate in attacco a fianco dei suoi compagni. Lucidità e visione di gioco gli permettono di capitalizzare gli sforzi della squadra con mete importanti. ILLUMINATO
Xing Jang Caprara: pregevole il suo lavoro di sostegno ed avanzamento, bravissimo a farsi trovare pronto quando c’è da schiacciare la palla oltre la linea di meta: splendide la mete realizzate come i tanti passaggi effettuati per alleggerire il gioco verso le fasce. STRATEGA
Javier Cavallaro: energia pura e moto perpetuo, non sembra sentire la stanchezza e non conosce la paura; lo vediamo sgroppare in mezzo al campo con fare sicuro e non tirarsi indietro, sprezzante del pericolo, di fronte ad avversari grossi il doppio di lui. INDOMITO
Andrea Magri: appare trasfigurato, un concentrato di grinta e ‘cazzimma’ a tratti incontenibile, pronto a gettarsi nella mischia con determinazione e passione come mai abbiamo visto in passato. Cuore selvaggio e generoso, mette chili e pressione a disposizione della squadra. FURIA CECA
Valerio Sommariva: uno fra i più giovani ma per nulla spaesato in mezzo al campo, affronta tutte le partite con la tenuta mentale di un giocatore di esperienza. Trova splendidamente l’amalgama con la squadra ispirato dai compagni più esperti e facendo il suo dovere quando la squadra ne ha bisogno. INTRAPRENDENTE
Nicolas Varpi: muro difensivo e tanta pressione in mischia, aiuta la squadra a non perdere terreno. Tanto sostegno e passaggi importanti, è spesso al centro dell’azione e non si sottrae mai al lavoro duro, la squadre gliene è riconoscente. COLONNA PORTANTE
Gabriele Vegna: ultimo non certo per importanza, senatore di poche parole dall’aplomb Britannico, lui si esprime con i fatti ed in campo oggi è un esempio per tutti. Metronomo del gioco: in difesa è una sentenza, si perde il conto dei placcaggi che esegue con spietata precisione e tecnica ammirabile; generoso in attacco dove si fa in quattro per fare salire la squadra e guadagnare terreno. Quando serve realizza mete pesanti che danno la carica al gruppo. TRASCINATORE
A tutti ancora GRAZIE! … E a presto (Francesco Vegna) – qui le foto di Andrea Rimondini

 

image2 image1

U8 Gallarate

Under 10

CRL – Torneo Rugbio Cusago

Carissimi U10, eccoci arrivati appuntamento con il CRL di Cusago, come da copione, arriviamo in forze al centro sportivo Rugbio, siamo in 31,la società ospitante è ben felice di accogliere la terza squadra, torneo a due gironi più finali, con noi ci sono:
Parabiago 1 squadra
Varese 1 squadra
Rugbio 2 squadre
Tutti Neri Ticino 1 squadra
AU 3 squadre
Gli allenatori dividono due delle tre squadre per poli, solo la squadra rossa viene fatta per anno il 2009, e viene messa nel girone con Parabiago e Varese, le 2 squadre che vengono reputate più temibili. Il torneo si svolge in scioltezza alternando partite più accattivanti e altre a senso unico,.quello che ci ha lasciato un pò delusi , allenatori e accompagnatori, l’atteggiamento della squadra 2009 contro il Varese, molto blando senza mordente, riusciamo a vincerla, ma con moltissimi errori. Sarà un punto molto importante che si affronterà nelle sedute di allenamento, altra nota dolente, la disciplina, in campo, come fuori campo, spogliatoi e terzo tempo Siccome con le buone non si ottiene nulla, sarà motivo di discussione con gli allenatori, per capire quale provvedimento prendere, per evitare spiacevoli episodi. Ringraziamo i genitori per il supporto, per poter arrivare nei tornei con questi numeri, gli allenatori e gli accompagnatori, che si adoperano per far passare una splendida mattinata di sport a tutti i nostri atleti. Per la cronaca:
AU Rossa 1°classificata
AU Gialla 2° classificata
AU Bianca 4° classificata
Sotto i risultati di tutti gli incontri
AU Rossa:
AU Rossa -Parabiago 5-0
Varese -AU Rosso 1-2
Rugbio Blu -AU Rossa 0-8

AU Bianca:
Tnt -AU Bianca 0-8
Rugbio Granata-Au Bianca 1-8
AU Gialla -AU Bianca 4-1

AU Gialla:
Rugbio Granata- Au 1-7
Tnt- AU Gialla 1-7
AU Bianca -Au Gialla 1-4

Finale 3°-4° posto: AU Bianca – Varese 2-6

Finale 1°-2° posto: Au Rossa -Au Gialla 6-1

Prossimo Appuntamento, 2 Dicembre A Settimo Milanese – Staff U10 (Marino)

Qui le foto di Giacomo Rossi, qui quelle di Daniele Poli

 

U10 LRugbio

 

Under 12

U12 Lainate 25 novembre 2018
Oggi la U 12 è stata impegnata nel torneo regionale di Lainate, che ha visto coinvolte 4 società ciascuna con due squadre. Oltre a noi e alla rappresentanza di casa, il Lainate, erano presenti l’ASR Milano e la Bassa Bresciana. Otto squadre divise in due gironi, il girone A con le rappresentanze contraddistinte come 1 e il girone B con le squadre denominate 2. Noi però avevamo 37 atleti: troppi per due squadre e troppo pochi per farne tre. La quadratura si è trovata grazie al fatto che la Bassa Bresciana aveva la seconda squadra incompleta e così 8 nostri valorosi e soprattutto generosi atleti si sono uniti ai giocatori della BB per costituire una squadra mista , la Au3- Bassa Bresciana 2, che ha giocato nel girone B. Per la cronaca, anche la composizione delle altre due squadre AU non è stata la solita dei primi tornei di questa stagione. Un po’ perché in questa occasione abbiamo avuto 2 o 3 esordienti, un po’ perché come prima detto una buona rappresentanza dei nostri atleti è stata “aggregata” ad altra squadra, un po’ per far giocare insieme ragazzi che pur vestendo la stessa maglia difficilmente hanno modo di fare gruppo, si è deciso di abbandonare per una volta il criterio della divisione fra i due poli Iseo e Crespi per formare invece due squadre miste. La denominazione di AU1 e AU2 non si riferisce quindi in questo caso all’appartenenza all’uno o all’altro polo ma semplicemente al girone in cui sono state inserite. I coach erano rispettivamente Alberico e Filippo. Se qualcuno ha avuto la pazienza di leggere questo lungo e forse inutile preambolo, passiamo alla vera cronaca della giornata. La AU1 comincia affrontando la Bassa Bresciana 1. Un primo tempo molto equilibrato. Sul 3-1 per i nostri avversari la AU reagisce bene e si porta in pareggio. Ma il secondo tempo è terribile. Prendiamo una meta dopo l’altra senza riuscire più a colpire e la partita finisce 7 a 3 per la BB1. Contemporaneamente la AU2 se la vede con la squadra mista Bassa Bresciana 2 – AU3. Un mezzo derby. Qui le cose vanno meglio per i nostri colori, anche se spiace per i compagni che vestono l’altra maglia. Ma è un gioco. Alla fine la AU2 prevale con un netto 7-2. Incontriamo quindi l’ASR. LA AU1 perde 9-0 contro la ASR1; la AU2 dopo aver momentaneamente pareggiato sull’1-1 con la ASR2, cede alla maggior forza dell’avversario chiudendo con un 9-1. Le due partite sono state molto simili. Gioco di squadra , passaggi ben calibrati e veloci, miglior tenuta del campo da un lato, spirito di sacrificio e spunti individuali dall’altro, con difficoltà però a contrastare l’azione ben organizzata dell’avversario. Pazienza. Infine ci tocca la squadra di casa, il Lainate. La AU1 contro il Lainate1, in tenuta rossa, regge bene il primo tempo, chiudendo in svantaggio con un 3-2 che lascia aperta ogni possibilità. Purtroppo come già nella prima partita, nel secondo tempo un calo di concentrazione porta ad un risultato finale di 6-3 per i padroni di casa. La AU2 in qualche modo “ vendica” i compagni e batte 5-1 il Lainate2 in tenuta blu. Arriviamo alle finali per la classifica, sebbene il raggruppamento di oggi sia non agonistico. La AU1, arrivata quarta del girone A, pareggia 4-4 con il Lainate2, quarto del girone B. Settimi a pari merito. La AU2, seconda del girone B, contende invece il terzo posto proprio al Lainate1. Conduciamo tutta la partita in vantaggio, ma a pochi minuti dalla fine, sul 5-3 per noi, i padroni di casa hanno un moto d’orgoglio che li porta letteralmente a sfondare la nostra difesa riuscendo a rimontare e ad agguantare il pareggio sul fino di lana, proprio all’ultima azione, nonostante il “sonoro” tifo da parte dei supporters AU che si sono sgolati nell’incitare la squadra. Terzo posto ex aequo. Tutto sommato possiamo accontentarci. Sicuramente, a detta di molti osservatori imparziali, è stata questa la partita più bella del torneo, per l’agonismo e l’impegno profuso dagli atleti di entrambi gli schieramenti. La finale per il primo e secondo posto è una faccenda tutta ASR, prima in entrambi i gironi. E i ragazzi aggregati alla Bassa Bresciana 2? Hanno finito il girone 2 al terzo posto e in finale si sono incontrati con la BB1 classificandosi sesti assoluti nella classifica finale. Bravi ragazzi, sempre seguiti anche loro a turno da Filippo o Alberico. Una giornata di sport e di divertimento per i nostri atleti. Forse i risultati non sono stati eclatanti, ma è stato il prezzo che lo staff tecnico aveva comunque messo in preventivo per poter sperimentare soluzioni diverse, alla ricerca di nuove “alchimie” fra i ragazzi che potrebbero tornare utili in futuro. Un sentito ringraziamento come sempre ai nostri allenatori, un saluto a tutti i genitori e, consentitemelo, un forte abbraccio ai “colleghi” accompagnatori. Alla prossima! (LM)

Qui le foto di Massimo Baccolini

LAINATE 251118 (156)

Under 14

I nostri ragazzi partecipano al Superchallenge di Verona:
AU – Modena      12-10
AU – Mogliano     5-7.
AU 2° del girone per differenza punti
Spareggio tra le seconde dei 4 gironi:
AU – Parma     7-14
Finale 7°-8° posto:
AU – Villorba     5-12.
Classificati solo all’ 8°posto…peccato!!! Abbiamo pagato la tensione e il nervosismo di chi é consapevole della propria forza, ma viene tradito dall’ansia da prestazione. L’esordio c’è stato… già da oggi si riparte anche più determinati di prima. Forza AU!

Qui la classifica finale; qui le foto di Marco Bertossi

U14 Verona 2

Under 16

Girone élite – Amatori Union Rugby Milano 1 – Tecnikabel VII Rugby Torino     51-13 (mete 8-2)
Girone 5 – Amatori Union Rugby Milano 2 – CUS Milano Rugby 2                         78-0 (mete 14-0)

Partita girone élite – Quinta giornata del girone élite, i ragazzi della U16 incontrano il Settimo Torinese al Crespi, in una serata autunnale umida ma non fredda. I piemontesi rappresentano una compagine ostica, hanno ottenuto buoni risultati nelle ultime partite di campionato, la partita precedente vittoria a valanga sul Calvisano, quindi avversario da prendere con le pinze. Fischio di inizio, partiamo bene ma ci fermiamo, infatti ad una nostra prima meta il Settimo reagisce immediatamente pareggiando, schiacciando in mezzo ai pali la palla dopo un incursione tra la nostra difesa non molto attenta. È il preludio ad un periodo, che dura fino a metà primo tempo, in cui la partita sembra equilibrata, dopo di che i nostri decidono di aumentare il ritmo e di scrollarsi dalle spalle le indecisioni, si comincia a fare sul serio. Come lo scorso sabato facciamo partire le gambe dei nostri trequarti, che in quanto a corsa hanno ben pochi rivali, e le mete di susseguono, si ha la sensazione di avere infilato il giusto viatico, chiudiamo il primo tempo con un incoraggiante 29 – 8. Nel secondo tempo riusciamo a tenere in mano la partita, dominiamo il campo e tutte le fasi di gioco, facciamo altre quattro mete, i nostri avversari appena una, si vince con un altisonante punteggio, 51 – 13, difficilmente pronosticabile all’inizio. Abbiamo messo un bel punto esclamativo sul campionato, non c’è che dire, ma non abbassiamo la guardia, mai, il campionato è solo all’inizio, ci aspetta Capitan Inverno, personaggio insidioso. Bravi ragazzi!

Partita girone 5 – I ragazzi della territoriale sono reduci dalla bella vittoria di sabato scorso nel derby con ASR, subito si presenta un altro derby, quello con il CUS Milano. I nostri sono carichi e lo dimostrano sin dall’inizio, sin dal primo minuto dominano la gara dinnanzi ad un avversario poco reattivo. Commettiamo anche qualche errore, ma le conseguenze sono assolutamente indolori, tant’è che andiamo in meta di frequente, e ci vanno un po’ tutti. Effettuiamo parecchi cambi nella ripresa, anche i sostituti si mostrano pimpanti e determinati e finiamo la partita con un larghissimo punteggio, 78 a 0. Bene così, continuiamo!

Forza AU!

 

 

Under 18

Amatori Union Rugby Milano – CUS Milano Rugby 2     43-5 (mete 7-1)

Il calendario Under 18 prevede il derby con il CUS Milano, al Crespi. Inizia bene il CUS, ci schiaccia nei nostri ventidue, ma difendiamo bene. Appena conquistiamo il possesso riusciamo ad andare a far meta. Il CUS non ci sta e si assesta nella nostra metà campo. Dopo diverse azioni riescono a far arrivare il pallone all’ala, e vanno in meta. 7-5 Il resto del primo tempo va come nei primi minuti. Si gioca nella nostra metà campo. Il possesso è del CUS che prova a far viaggiare il pallone fino all’ala, ma non hanno mai spazi, difendiamo bene. Non appena recuperiamo il possesso con buone percussioni e buon gioco alla mano andiamo rapidamente a fare meta. Ne facciamo due. Il primo tempo si chiude sul 19-5. Il secondo prosegue sulla falsariga del primo. Difendiamo bene, rendendo sterile il possesso palla del CUS. Al contrario quando il possesso è nostro siamo rapidi a concretizzare. Prepotenti penetrazioni individuali, e bun gioco alla mano ci portano ad andare più volte in meta. Nel secondo tempo quattro volte. Particolare encomio agli avanti. La mischia domina, recuperiamo diversi palloni a introduzione CUS, le touche vanno bene. Finisce 43-5. Alè AU ! Qui   qui   le foto di Max Lazzerini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *