4-5 febbraio 2017: motivazione, umiltà, spirito di squadra

La foto di apertura è un dovuto omaggio al migliore spirito del rugby, quello che ci sforziamo di comunicare a tutti i nostri giocatori. Prima giornata del Sei Nazioni: dura sconfitta dell’Italia contro un Galles ben imbrigliato nel primo tempo (7-3 per noi), ma rientrato in campo dopo l’intervallo più determinato e lucido degli azzurri. Man of the match, Leigh Halfpenny, autore con i suoi micidiali calci dalla piazzola di ben 18 dei 33 punti che hanno sepolto le speranze azzurre. Bene, guardate un po’ chi sta recuperando il materiale d’allenamento, per quanto infiocchettato nell’abito d’ordinanza da terzo tempo! Come a dire, essere il migliore in campo non significa montare in superbia: spirito di squadra significa essere sempre disponibile a collaborare anche alle attività più umili, senza le quali la squadra non c’è.

Passando alle nostre squadre: weekend di dure lezioni anche per noi, nelle poche categorie in cui si è giocato.

Under 8

Torneo di Segrate c/o ASRugby Milano,  domenica da dimenticare… Ci presentiamo anche questa volta con 2 squadre tirate, l’influenza e il tempo pessimo la fanno da padrone. Si parte contro la miriade di squadre dell’ASR ben 3 così come il Rugby Parco Sempione e 1 squadra del Sesto San Giovanni. AU 1 lottando contro una delle Squadre Asr vincono una partita tiratissima per una meta di differenza…poi iniziano i guai…il freddo e l’acqua la fanno da padrone, ci si mette anche la sfortuna che con un infortunio ci toglie un giocatore…si gioca in 5….purtroppo niente da fare.. i piccoli atleti oggi non ci sono…perdiamo anche le altre 2. Au 2 parte con il Sesto e non c’è storia, una sonora sconfitta, anche qui i nostri atleti non riescono a carburare, e così il torneo per loro è la fotocopia dei fratelli dell’AU 1. Bisogna riprenderci subito e questa brutta esperienza serva a tutti per ripartire al meglio. (Staff U8)

Under 18

Rugby Longobarda – Amatori Union Rugby Milano  21 –   5   ( 3- 1).

Seconda sconfitta consecutiva: chiaramente i nostri sono ancora ben lontani dall’aver recuperato la concentrazione necessaria. Motivazione, umiltà e spirito di squadra sono le parole d’ordine, ma a parte enunciarle, occorrerebbe poi metterle in pratica…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *