Risultati del weekend 30 novembre -1 dicembre 2019

L’ennesimo weekend di pioggia battente è ancora complessivamente propizio alle nostre squadre: ferme quasi tutte le categorie, tra quelle che giocano vincono le Under 16, la Under 18 (in amichevole), e la Seniores di serie B.

 

Under 16

Girone 3: Amatori Union Rugby Milano – Rugby Varese 31 – 12 (mete 5-2)

Girone 7: Amatori Union Rugby Milano – Rugby Club Codogno 30 – 22 (mete 6-4)

 

Under 18

Partita amichevole: FTGI Lambro  – Amatori Union Rugby Milano      12 –  22  (mete 2-3)

Seniores

Serie C2, girone 2: Amatori Union Rugby Milano – Polisportiva Sondalo   7 – 44 (mete 1-7)

Serie B, girone 1: Amatori Union Rugby Milano – Rugby Franciacorta 32–3 (mete 4-0); qui le foto di Roberto Morelli

Serie C2 – In questo inclemente weekend autunnale la squadra cadetta sconta un organico ridotto all’osso (15 giocatori in tutto!), con molte assenze, molti ragazzi costretti a giocare in ruoli inconsueti, e zero possibilità di sostituzioni. Il periodo è ovviamente il più duro dell’anno, con impegni (di studio o di lavoro) che si infittiscono a fine anno e malanni di stagione che mettono fuori combattimento molti atleti. Momento difficile quindi, da cui  però si può e si deve uscire appellandosi allo spirito di squadra. Pochi giorni orsono accennavamo all’interessante integrazione di giocatori esperti e di ragazzi appena saliti dalle giovanili: teniamo presente che la squadra cadetta è un contesto in cui poter continuare a giocare serenamente, per chi non può più, a causa di impegni lavorativi, allenarsi con la frequenza ottimale; ed è un’occasione per crescere, per chi deve ancora raggiungere il vertice della sua esperienza sportiva. Le sconfitte non sono un problema: l’importante è mettere in campo la voglia di divertirsi e la possibilità di farlo in un contesto competitivo adeguato alla propria esperienza, e al proprio investimento di tempo e di energia. Forza ragazzi!

Serie B – Alla sesta giornata arriva un limpido successo per la nostra prima squadra, che inizia a risalire con decisione la classifica grazie alla terza vittoria consecutiva, dopo le sconfitte iniziali contro tre delle prime quattro in graduatoria. La partita di oggi, per quanto condizionata dalla pioggia battente – che ha inevitabilmente moltiplicato gli errori di manualità e di conseguenza le mischie – ha premiato la squadra più determinata e solida, capace di non concedere quasi nulla ad avversari che si presentavano con un importante scalpo (Rovato) appeso alla cintura. I nostri hanno sfruttato la netta superiorità in mischia, in touche e nel gioco al piede per garantirsi possesso di palla e dominio territoriale, neutralizzando con un’attenta difesa l’arma sulla carta più temibile degli avversari, una linea di trequarti veloci e tecnicamente validi: la pressione dei nostri e la superiorità nell’uno contro uno hanno impedito alla mediana avversaria di aprire palloni veloci al largo, frustrando i coraggiosi sforzi dei nostri avversari. Dopo essersi mangiati tre nitide occasioni di meta nel primo quarto, i ragazzi di coach Pisati hanno capito che la chiave del successo stava nella capacità di evitare il “fuori giri”, mantenendo la calma, rimanendo lucidi, e capitalizzando le occasioni che il sostanziale controllo del gioco avrebbe continuato a generare: e così è andata. Questa nuova consapevolezza è il fatto più importante emerso negli ultimi tre incontri. Partita dopo partita abbiamo visto concretizzarsi costanti progressi non solo sul piano dell’organizzazione di gioco, ma anche e soprattutto sul versante della tenuta mentale, da sempre nervo scoperto di un gruppo composto in prevalenza da giocatori molto giovani: e questo testimonia della profondità del lavoro intrapreso quest’anno dallo staff tecnico e dirigenziale. Seguiremo con attenzione i prossimi incontri, con la speranza di trovarvi ulteriori conferme di un processo di maturazione che ci sembra finalmente avviato.

Au Franciacorta 1

Au Franciacorta touche

Può essere interessante riscontrare  la cronaca del match sulla pagina Facebook di Franciacorta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *