Risultati delle partite del 12-13 gennaio 2019

Solo tre partite giocate nel weekend: una tranquilla vittoria per la U16 territoriale, sconfitte invece la U18 e la Seniores.

Under 16

Girone 5: Amatori Union Rugby Milano – Rugby San Donato    31 – 14  (mete 5-2)

Primo impegno del 2019 per la U16, gioca solo il girone 5, il territoriale: incontro in casa al Crespi, avversario di turno il San Donato. La partita prende subito una piega favorevole per i nostri, qualche errore, meno fallosi degli avversari però, questo consente di restare quasi sempre in attacco. La superiorità di AU si concretizza con tre mete nel primo tempo, mete di fatture diverse tra loro, questo a testimonianza delle varie soluzioni che i ragazzi hanno offerto in questa prima frazione. Il secondo tempo si presenta differente, i nostri avversari entrano in campo con più determinazione, evidenziata da una meta nei primi minuti. Anche il possesso è quasi sempre avversario, ma siamo bravi a tenerli nella loro metà campo, allontanando eventuali velleità di farci avvicinare nel punteggio. Nonostante questo riusciamo andare in meta altre due volte, pur rimanendo in 14 per un rosso diretto, unica nota dolente della serata, anche in prospettiva dei prossimi impegni; i nostri avversari una volta sola. Finisce 31 -14, spunti positivi da questo incontro, appuntamento ritenuto all’inizio insidioso visto che era il primo dopo le vacanze natalizie. AU anche nel girone 5 mantiene un passo da protagonista e cresce in efficienza ed affidabilità. Bravi ragazzi.

 

Under 18

Amatori Union Rugby Milano – Rugby Velate   19-21        (mete  3 – 3),   qui   qui le foto di Max Lazzerini

 

Seniores

Chef Piacenza Rugby – Amatori Union Rugby Milano   35-24  (mete 5-4)

Onore ai ragazzi, che hanno giocato un match davvero encomiabile per grinta e orgoglio: tuttavia ancora una volta la sconfitta lascia qualche rimpianto. Nel complesso il divario che ci separa in classifica dal Piacenza, terza forza del campionato alla pari con Monferrato, non è sembrato così evidente, e anche il punteggio attesta una partita sostanzialmente equilibrata, tanto più considerando che due trasformazioni e due calci di punizione a nostro favore (cioè dieci punti potenziali) non sono entrati perché veramente “impossibili”. I nostri ragazzi hanno validamente tenuto testa ai padroni di casa, sovente mettendoli alle corde e per lunghi tratti schiacciandoli nei loro 22.  Vero è tuttavia che nel punteggio i nostri hanno sempre dovuto inseguire, soprattutto a causa di alcune plateali sviste difensive che hanno concesso agli emiliani alcune mete troppo facili. Da parte nostra, viceversa, è riemersa la cronica fatica a concretizzare fasi anche prolungate di superiorità. Alcune nostre folate offensive hanno seriamente messo in crisi i piacentini, che hanno per di più mostrato di saper arginare le nostre maul solo ricorrendo al “mestiere”, tanto più efficace quanto meno sanzionato (in un paio di occasioni la meta tecnica sarebbe stata ineccepibile: ma tant’è, dobbiamo anche imparare a regolare anche noi il nostro gioco sui criteri direttivi). Ai nostri è mancata soprattutto un po’ di continuità, soprattutto nel possesso di palla (troppe le occasioni gettate al vento per passaggi inaccurati o avventati), e un po’ di lucidità nel finalizzare la pressione sugli avversari nei cinque metri finali. Sarà interessante vedere che cosa i nostri avranno imparato da questa esperienza, nel breve (domenica prossima in un incontro che si preannuncia assai duro, contro un Bergamo chiaramente ben più competitivo rispetto all’anno scorso) e nel lungo periodo, dando appuntamento ai piacentini alla penultima giornata di ritorno.

Qui le foto di Roberto Morelli; qui il filmato della partita, dalla pagina Facebook del Piacenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *