Maxime, l’Italia e gli All Blacks

Maxime Mbandà sarà titolare della maglia n. 6 nella nazionale che sabato 12 novembre affronta gli All Blacks (qui la formazione: diretta su Dmax dalle 14.15).maxime-nazionale

Per chi segue il rugby non è una sorpresa, perché Maxime (classe 1993), terza linea delle Zebre, si è messo in luce come uno dei giocatori italiani più forti degli ultimi anni, a partire almeno dal 2013, quando ha militato nella nazionale italiana Under 20 vincitrice della IRB Junior World Rugby Trophy. Del resto con la nazionale Under 20, nel Sei Nazioni di categoria di quello stesso anno, Maxime era regolarmente nominato “man of the match” anche nelle partite perse dall’Italia. Nei test match estivi di quest’anno con USA e Canada Maxime ha debuttato nella nazionale maggiore, e sabato realizzerà il sogno di qualsiasi rugbista: sfidare sul campo gli All Blacks, i mostri sacri del nostro sport.

Quello che invece forse non tutti sanno è che Maxime ha iniziato a giocare a rugby nelle file dell’Amatori Junior. Molti di noi lo ricordano piccolo (di età, beninteso, perché fisicamente anche da piccolo non è mai stato molto piccolo!) trascinare in meta nugoli di avversari aggrappati inutilmente alla sua maglia. Ma molti di noi si ricordano anche di quando, più grande, a quindici o sedici anni (un’età in cui di solito gli adolescenti non amano mischiarsi ai più piccoli), era sempre presente a bordo campo a incoraggiare i bambini delle categorie inferiori insieme a mamma Luisa (sua e nostra instancabile tifosa); e nessuno più di lui ha saputo farsi animatore di un’infinità di occasioni per giocare tutti insieme, grandi e piccoli. Insomma, è sempre stato chiaro che per lui il rugby è prima di tutto divertimento, gioia di vivere, piacere di trovarsi insieme, e sicuramente questa passione lo spinge avanti anche adesso che è un giocatore professionista. Bello e significativo è che Maxime continui ad avere ancora l’umiltà e la spontaneità di sempre, come potete capire chiaramente da questa intervista.

Per concludere: se Maxime sabato si troverà ad affrontare gli All Blacks il merito è suo, perché la tenacia, l’umiltà, la generosità e il coraggio sono le sue doti da sempre. Ma a noi sia concesso l’orgoglio di poter ricordare che Maxime , ovunque il suo percorso di rugbista di eccellenza lo porterà,  per noi resterà sempre uno dei nostri.

Complimenti Maxime, e in bocca al lupo (tutto nero), siamo tutti con te!

264847_2050243590105_665321_n 523305_4818099258120_874377155_n265157_2050239910013_7329040_ntopolino-145 topolino-148 topolino-147

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *